Bail-in: ecco di cosa si tratta

TraderIl bail-in è il decreto del Governo che ha salvato in extremis 4 Banche dall’interno: Banca Marche, Carichieti, Carife e PopEtruria. Si tratta del primo caso di bail-in in Europa. Anziché coinvolgere i singoli Stati o i Fondi europei, in questi salvataggi sono stati coinvolti gli investitori privati, questo per non far ricadere l’intero costo dei default bancari sulle spalle dei contribuenti. A pagare il conto, in linea con le nuove norme UE, sono stati gli azionisti ed i possessori di obbligazioni subordinate, che hanno visto letteralmente azzerati i propri investimenti.

La soluzione ha previsto la creazione di una bad bank per le sofferenze (svalutate di oltre l’80%) e di 4 banche di fatto nuove (con il vecchio nome preceduto da “Nuova”), operative già dallo scorso 23 novembre. L’operazione è costata alle altre Banche circa 3,6 miliardi di euro, ma sarebbe stato sicuramente peggio il fallimento dei 4 Istituti (12 i miliardi di euro di depositi da garantire), soprattutto perché avrebbe scatenato un terremoto sul fronte della fiducia nei riguardi del sistema, scatenando una corsa agli sportelli. Lo Stato non ha messo un euro nell’operazione, se non che gli sgravi fiscali per le banche gli porteranno meno introiti per circa 1 miliardo di euro.

Dall’1 gennaio 2016, qualora una Banca finisca in dissesto, i primi ad intervenire saranno gli azionisti, poi toccherà a chi detiene obbligazioni subordinate e solo in ultima battuta ai correntisti (ma solo a quelli con più di 100.000€ sul conto). In questo inizio 2016 si dimostrano a rischio Veneto Banca e Banca Popolare di Vicenza. Entrambe confidano nella quotazione in borsa (IPO) e in un aumento di capitale a pagamento, che possa riportare i ratio patrimoniali a livelli accettabili. Gli azionisti, sentendosi truffati sono già sul piede di guerra, ma chi è dentro adesso non può uscirne neanche in perdita.

Tutto questo serve a ribadire l’importanza di leggere e capire clausole e condizioni, prima di firmare, quando ci sono in ballo i propri sudati risparmi.

0
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.