L’arte risolleva l’ingegno

778f79d2e2610d52a26e801aa2abc5d9L’esperienza formativa nelle aziende testimonia la necessità da parte dei dipendenti di essere al passo coi tempi, di sviluppare in particolare maggiore flessibilità nel problem solving e capacità di visione del futuro. Per favorire tutto ciò, servirebbero quotidianità diverse, che stimolassero l’individuo a nuove possibilità. Un’esperienza interessante è stata organizzata in un’azienda con fatturato e immagine in forte calo, a causa di una certa inerzia sia in campo tecnico che commerciale.
Attraverso un ciclo d’incontri teorici e di workshop, abbiamo utilizzato il servizio arte in azienda: nel caso specifico l’artista, stimolando il processo creativo libero dagli schemi aziendali e con lo scopo non dichiarato di rappresentare la mission aziendale, ha lavorato a stretto contatto con i dipendenti per la costruzione di un gadget. Ognuno quindi è stato sollecitato a rivedere le proprie credenze, a discutere della mancanza di condivisione, delle difficoltà con la proprietà. L’introduzione di un linguaggio non strutturato e contemporaneo, ha favorito coesione e condivisione, ha sollecitato il genio di persone demotivate, ha stimolato – su un piano parallelo a quello produttivo aziendale – il rinnovamento motivazionale delle persone coinvolte. Ancor più interessante la possibilità di utilizzare i gadget, prodotti dalla rappresentazione creativa di un valore aziendale condiviso, veicolando il brand su canali complementari al settore, innescando curiosità e attrattiva, utili soprattutto alle risorse commerciali.
Spesso l’introduzione di linguaggi decontestualizzati innescano cambiamenti tanto attesi. L’uomo è versatile, non lo si può chiudere in una catena di pensiero che ne spenga il genio.

0
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.