Houston abbiamo un problema (di processi)

di Lorenzo Vezzani

fmea-1Crediamo davvero di conoscere a fondo i processi che regolano la nostra azienda? Per fare in modo che la risposta a questa domanda sia un convinto sì, potrebbe essere una buona idea applicare la Fmea (Failure mode & effect analysis) un approccio sistematico per comprendere e migliorare i processi aziendali.
La Fmea è stata sviluppata negli anni ’60 nel settore aerospaziale statunitense durante la missione Apollo, e diffusa nel settore automotive a partire dal decennio successivo: oggi viene impiegata nello sviluppo di prodotti, progetti e processi per identificare le potenziali modalità di malfunzionamento e le sue cause, e per implementare, presidiare e verificare le azioni preventive e correttive.
Come ogni strumento a supporto del miglioramento dei processi, la Fmea parte dal cliente e dalle sue esigenze. In quest’ottica, le modalità di malfunzionamento sono qualsiasi non rispondenza rispetto agli output attesi e alle aspettative lindsey lohan pokies dei clienti del processo (sia interni che esterni). Pertanto, la Fmea di processo può essere utilmente applicata per la trasformazione di processi operativi ma anche di quelli amministrativi.
La Fmea di processo viene normalmente costruita da un team inter-funzionale – opportunamente coordinato attraverso una sequenza di step logici – con l’obiettivo di mettere a fattor comune le competenze necessarie ad analizzare e migliorare l’intero processo in esame. Questo metodo ha un potenziale molto elevato nell’aiutare i dirigenti d’azienda a comprendere nell’insieme, ma anche nel dettaglio, dove risiedano gli eventuali malfunzionamenti da correggere. La Fmea, inoltre, favorisce un’azione consapevole e coordinata, e consente all’impresa di controllare al meglio le azioni di miglioramento che devono essere messe in campo.
È bene specificare che per il successo della Fmea occorrono impegno, disciplina, sistematicità e soprattutto la capacità di vedere i processi aziendali in modo nuovo e libero da pregiudizi o condizionamenti.

0
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.