Le imprese sul ponte di comando con l’Università

Trentasette aziende salgono insieme alle Università sul ponte di comando della ricerca made in Emilia-Romagna. Imprese di piccole e medie dimensioni, comunque tra le più innovative nel proprio settore, ma anche marchi molto noti, da Granarolo a Technogym, da Marazzi a Barilla, da Chiesi Farmaceutica a VM Motori passando per Sacmi, Bucci e Orogel. I loro rappresentanti entrano, infatti, nei Comitati di coordinamento delle sei Piattaforme tecnologiche nelle quali sono stati riuniti tutti i laboratori delle Università e degli Enti nazionali di ricerca.

La decisione è stata assunta nel corso dell’assemblea dei soci di Aster, il consorzio che in Emilia-Romagna unisce Regione, sistema della ricerca (attraverso Università, Cnr ed Enea) e mondo delle imprese (tramite Unioncamere regionale e associazioni di categoria) per promuovere l’innovazione. All’assemblea ha partecipato anche il nuovo assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli.

“Con l’ingresso dei primi rappresentanti delle imprese – ha spiegato il presidente di Aster Pietro Caselli – si completa il disegno che sta all’origine della nascita delle Piattaforme, pensate per rispondere alle richieste d’innovazione tecnologica delle imprese valorizzando il grande patrimonio presente in particolare nei nostri Atenei. In una prima fase abbiamo riunito e organizzato il sistema della ricerca. Ora apriamo le porte di questo sistema alle imprese non solo per usufruire dei servizi, ma anche per orientarne l’attività e l’evoluzione. Si è aperta – grazie al consenso forte raggiunto con associazioni di categoria, università ed enti di ricerca – una fase nuova che vedrà presto nuove imprese unirsi a queste prime 37”.

“Abbiamo fatto un altro passo in avanti nello sviluppo della Rete regionale dell’Alta Tecnologia, che riunisce da un lato la rete dei laboratori, dell’Università e dei ricercatori, e dall’altro le imprese della Regione. È dal loro incontro che potremo trarre il massimo dei risultati di una politica per il futuro dell’economia regionale che punta su ricerca, innovazione e trasferimento tecnologico”, ha commentato l’assessore regionale Muzzarelli, che nell’occasione ha visitato l’Area di ricerca CNR di via Gobetti dove Aster ha sede.

Le Piattaforme tecnologiche sono sei: Agroalimentare, che ha visto l’ingresso di 6 rappresentanti delle imprese (Regard, Granarolo, Orogel, Conserve Italia, Barilla, Parmalat); Costruzioni con 4 rappresentanti (Cefla, Focchi, Marazzi Group, Unieco); Energia Ambiente con 7 imprese (SEI Impianti fotovoltaici, CPL, Caviro, Piacentini Costruzioni, Tampieri, Tozzi, Lucchi); ICT e Design con 5 rappresentanti (Tel&Co, Anastasis, MR Conf., Itway, Life elettronica); Meccanica Materiali con 8 (Cat Progetti, Sacmi, Parmalapping, Ima, Mandelli Sistemi, Bucci Industries, Landi Renzo, VM Motori) e Scienze della vita con 7 (Gemib, Novamedisan, Barbieri, Technogym, B.Braun, Chiesi Farmaceutici, Gruppo Villa Maria).

0
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.