Unieco: linee feroviarie +73%

ferroviaL’assemblea del gruppo CLF  (Costruzioni Linee Ferroviarie), controllata da Unieco e dal gruppo olandese Strukton ha approvato a Bologna il bilancio 2009, che evidenzia un utile netto di 5,6 milioni (+73% sul 2008). Il fatturato complessivo si attesta a 126 milioni (+15% sul budget) e il piano di sviluppo annunciato dal presidente Giuseppe Neri porta a 140 milioni di euro nel 2012 con una quota di lavori realizzata all’estero che salirà al 31,9% dal 4% previsto nel 2010.

Gli addetti sono attualmente 489 ma cresceranno fino a 600 nel 2012 grazie ai cantieri esteri come la linea “Orient Express” in Bulgaria (la linea Plovdiv-Svilengrad in fase di realizzazione con la CLF Bulgaria Branch e con cantieri aperti fino al dicembre 2011 ) e una nuova tratta di Alta Velocità in Algeria (linea Oued/Tlelat- Frontiera Marocchina nella zona di Orano. La linea ha uno sviluppo di circa 132 km e per complessivi 264 km di binari segna il debutto dei treni veloci, che viaggiano a circa 220km/h, in Algeria. I cantieri partiranno alla fine del 2011 e dureranno 15 mesi).

La direzione commerciale di CLF è al lavoro anche in altri Paesi: Croazia (dove è attiva una filiale), e altri paesi dell’area balcanica , nonché  del nord africa per importanti gare d’appalto. Nelle operazioni all’estero CLF è in partnership con grandi imprese come Astaldi, Condotte d’acqua, Rizzani de Eccher e Pizzarotti. “Nel 2012 il fatturato estero sarà circa la metà di quello realizzato in Italia – commenta il presidente di CLF Giuseppe Neri – e per questo obiettivo stiamo investendo in risorse umane qualificate e nel potenziamento del parco macchine”. Nel 2009 gli investimenti hanno raggiunto i 7,5 milioni d euro. Il budget 2010 prevede un fatturato di 118 milioni di euro con un margine lordo di 19 milioni.

L’assemblea che ha approvato il bilancio 2009 di CLF Spa ha anche rinnovato il consiglio di amministrazione che è composto da: Giuseppe Neri,  presidente, Arie Schoots,  vice presidente, Johannes Lucas Van Koppenagen,  Mauro Casoli , Pina Biondi, Rodolfo Garatti, Enrico Peola.

ICLF è una società controllata al 60% da Unieco di Reggio Emilia e partecipata al 40% dal gruppo olandese Strukton. CLF controlla il 100% della Arfer di Alessandria, il 60% della Sifel e il 100% della TES  di Bologna. CLF partecipa con una quota del 10% al Consorzio Stabile Eureca con CMB Carpi (al 50%) e Unieco Reggio Emilia (40%) .  CLF,inoltre ,  attraverso la controllata TES, ha
una quota  del 45% nel Consorzio Sitec Ferroviario. Gli altri soci sono Technec (45%) e LDC (10%).Le attivita’ che Sitec puo ’ sviluppare riguarda tutta la progettazione infrastrutturale civile e tecnologica .

0
0

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.