Specchio

Date: 16/07/2013 Tags:

Luglio 2013

Diego Zuelli, “Tappezzeria”
(2011, 3d computer graphics HD video (in loop), stereo sound)

Tre elementi, tante possibili combinazioni, pieno controllo. Come nella prassi pubblicitaria, così nel video, Diego Zuelli non lascia alcuna strada intentata, per soddisfare le imperscrutabili esigenze del committente. Grande consapevolezza e sferzante ironia per l’artista reggiano che, attraverso gli elementi base della computergrafica tridimensionale, propone una riflessione sul linguaggio stesso. Nessuna foto, nessuna ripresa, dunque nessun riflesso. La figura umana, credibile e allo stesso tempo sfuggente, di fatto non esiste. Altro non è se non uno scherzo, o una provocazione dell’autore, che lancia il sasso e ritrae la mano. Realizzato per il Festival fotografico di Fano (2011) su invito di Luca Panaro, il video nasce dalla combinazione di tre materiali – legno, metallo e tappezzeria – abbinati ad altrettanti strumenti musicali. Non marginale, il ruolo della colonna sonora, che contribuisce a creare lo scarto, portando lo spettatore oltre l’ultima frontiera, tra pianeti e meccaniche terrestri.