Le scelte degli imprenditori (parte quinta)

Solid Works

Che siano grandi o piccole tutti i giorni in un ’impresa si devono fare delle scelte . Abbiamo chiesto a diversi imprenditori imprenditori di raccontarci momenti critici nella loro attività e le alternati ve che hanno considerato per superarlo. Abbiamo poi sottoposto le loro storie a consulenti che ci hanno offerto la loro analisi. A voi proponiamo di provare a metter vi nei panni dei protagonisti e fare la vostra scelta. Senza paura di sbagliare.

Azienda: Microm-el snc
Chi: Roberto Manini
Sede: Cavriago (RE)
Fatturato: 2 milioni di euro

PATTI CHIARI
Microm-el ha oltre trent’anni di esperienza nei sistemi per il controllo industriale, nella realizzazione di banchi di collaudo e nell’automazione. Per Roberto Manini, direttore, «il punto di forza è il voler offrire a tutti i clienti il prodotto più adatto alle loro esigenze». A prodotti personalizzati, però, devono seguire contratti altrettanto attenti a definire chiaramente le condizioni di vendita e assistenza riservate a ogni cliente.

SOLUZIONI
1. Internalizzo le competenze legali
2. Utilizzo contratti standard
3. Valuto di volta in volta contratti ad hoc

ANALISI
«Con un prodotto così fortemente modellato sulle esigenze del cliente, ogni stipula dovrà tradurre per iscritto accordi specifici, ed è bene che ciò avvenga con clausole chiare che non si prestino a interpretazioni estensive. Lavorando in questo modo, però, un’azienda si trova certamente a dover gestire una mole importante di lavoro, per la quale spesso mancano risorse di tempo e competenze. Che fare, allora? La scelta di internalizzare una competenza legale dipende certamente dalla dimensione aziendale, perché porta con sè una serie di complicazioni relative alla selezione e alla formazione del personale, oltre che naturalmente costi a tempo indeterminato sui quali spesso è difficile pensare di impegnarsi. Senza contare naturalmente il fatto che si tratta di una soluzione che richiede un certo tempo per entrare a regime e può riservare sorprese sulla lunga distanza. Che dire dell’utilizzo di contratti standard – magari scaricati da internet, come mi è capitato di vedere? Lo sconsiglio vivamente. Questi contratti generici espongono eccessivamente l’azienda alla possibilità di controversie, anche perché non c’è alcuna certezza sulla professionalità di chi ha steso il documento. Una consulenza legale preventiva sulla contrattualistica rivela invece diversi vantaggi. Innanzitutto, la possibilità di personalizzare i contratti, rispettando al contempo lo spirito delle trattative del caso specifico. Certo, un contratto non può risolvere o proteggere al 100% da tutte le problematiche, ma più il contratto è preciso e chiaro, più è difficile fare eccezioni. Ultimo, ma non ultimo, a favore di questa soluzione vorrei citare l’opportunità di inserire una clausola compromissoria che consenta di gestire eventuali controversie con un arbitrato che è l’alternativa sostenibile ai tempi biblici della giustizia civile nel nostro Paese».

Massimo Romolotti, avvocato

0 Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.